martedì 7 agosto 2012

Cartelli Dialettali Arcore e Lecco, Ornaghi manda una lettera ai sindaci..

Riguardo alla Vicenda dei Cartelli Dialettali di Arcore Renato Ornaghi, ingegnere e autore di libri rivolti alla valorizzazione della lingua “nostrana” e di cd musicali orginalissimi ha scritto ai sindaci di Arcore e Lecco le proprie riflessioni, in una lettera rigorosamente... in dialetto.

"Gentilissim Sindich de Lecch e Arcor, Ve scrivi questa mia lettera per protesta contra la Vostra decision – costosa e inutil – de tirà via i cartej toponomastech in lengua mader da i strad de i Voster duu Città. 

Mì vivi minga a Lecch o Arcor, e podi capì benissim la motivazion de on gest del gener: l'è la reazion automatega (tipica italiana, compagn de i Guelfi contra i Ghibellin) al lavorà faa da i precedent Amministrazionn. Ma me permettii de dì a Vioter e Voster Collegh Amministrator de Gionta che, in questa disputa tutta poledega e malament mascherada dedree a motivazionn pussee futil, a pagà per tutt gh'è ona vittima, innocent: la lengua mader. Che davver la meritava minga de venì ripudiada in questa manera. 

I precedent Amministrazionn poden sicurament avè faa tanti robb inutil e sbagliaa: ma quella de mett i cartell in lengua mader –Ve garantissi – l'è stada ona robba giusta e apprezzada, minga appena da i elettor schieraa contra Violter, ma anca cont Violter e in general da tutt quej che gh'hann a coeur la propria identità, che l'è adree a morì per on malintes sens de "uguaglianza cultural". 

Disemmela in alter paroll, e pussee sinteticament: Violter cont on gest del gener sii adree a trà via el bagajtt cont l'acqua voncia. Se fasessov on gir per l'Europa, vedariov che in tanti Paes (Galles, Francia, Spagna, Germania, ecc. ecc.) gh'è ona tradizion consolidada de mett el cartell toponomastech in lengua mader local a fianch del cartell in lengua offizial de quella Nazion. L'è anca per quest che mì sont strasicur che tantissim Voster elettor, minga appena quej de la fazion opposta, hinn minga per nient content de la decision de tirà via i cartej. 

Gentilissim Sindich de Lecch e Arcor, confidi ne la Vostra intelligenza e capacità de ricognoss on error (savii benissim che al mond sbajen tutt, anca el pret a dì Messa; el sbaja minga appena quell che fa mai nagott), per rimett al lor post quej innocent cartej, che hinn part de la nostra pussèe profonda identità local. 

Per conclud, ma costruttivament. Se i Voster duu Comunn voressen fà on discors SERI e MINGA SCHIERAA sul valor e l'importanza (minga appena cultural, ma anca pratega, in particolar per i noster pussee gioven bagaj e tosann) de la valorizzazion de la lengua mader e del bilenguism in general, mì sont a completa disposizion Vostra e dej Voster Collegh Assessor, per salvà la nostra innocent lengua mader (che l'appartien – el disaroo a l'infinii – a tutt) da ona mort segura, e nel cas in oggett colpida a mort per vess restada casualment in mezza a ona sparatoria tra duu oppost fazionn. 
Cont viva cordialità 
Renato Ornaghi

Nessun commento:

Posta un commento

Verranno presi in considerazione solo i commenti privi di insulti