giovedì 23 febbraio 2017

Basta degrado al Dosso, il Comune intervenga!

Un lettore ci ha segnalato alcuni giorni fa l'ennesima situazione di degrado e abbandono al Dosso a Velate,  una tra le 'ex' località più belle e panoramiche del nostro Comune. Zona soggetta da decenni a una vergognosa cementificazione. Da diverso tempo è presente in via del Poggio, nonostante la presenza di alcune telecamere, la solita 'discarica abusiva' lasciata dai soliti incivili che, senza vergogna, abbandonano di tutto: battglie di vetro, plastica, lattine e cartacce trasformando il terreno in un tappeto di rifiuti. Periodicamente alcuni residenti stanchi di tollerare questa situazione si sostituiscono al Comune pulendo la zona che, purtroppo, torna degradata tale e quale dopo poche settimane. Il lettore, oltre che alla sezione della Lega Nord, ha segnalato il problema anche al Sindaco e all'ufficio competente in materia ma, ad oggi attende ancora una risposta concreta.
Nel Consiglio Comunale di martedi sera 21 febbraio il capogruppo della Lega Nord ha esposto la situazione di degrado del Dosso all'intera assise durante la discussione della tassa sui rifiuti e, in particolare, sul costo della rimozione delle discariche abusive e di pulizia straordinaria dei cestini per le vie del centro.
Il Sindaco replicando con le solite rassicurazioni di circostanza ha affermato che le telecamere ormai non sono più un deterrente contro l'abbandono dei rifiuti, e che le immagini registrate non servono a riconoscere e multare i colpevoli. In poche parole: segnalate e (forse) provvederemo, a pulire.
Ci si chiede però quale fine abbiano fatto le due 'foto-trappole' acquistate del Comune, su pressione della Lega Nord, per essere istallate in quelle aree soggette all'abbandono. La località del Dosso è stata presa in considerazione? Sono state comminate delle multe? Poca informazione ma tanti rifiuti abbandonati. 
Ci auguriamo che l'attenzione dell'amministrazione verso il Dosso non sia riservata solo ai permessi per costruire e ai conseguenti oneri di urbanizzazione.

Nessun commento:

Posta un commento